Legalità: don Antonio Manganiello all’ISISS terra di Lavoro

manganiello1manganiello3Scampia, una terra difficile denominata “Terra di Camorra”. Il prefetto di Napoli lo scorso primo maggio per dare un segnale positivo scelse l’Istituto tecnico Industriale Ferraris baluardo della cultura e della martoriata zona di Secondigliano (Napoli) per assegnare le stelle al merito del lavoro. I maestri della federazione nazionale vollero celebrare nella stessa scuola in autunno il loro raduno regionale promettendo di intervenire sui giovani con corsi e lezioni mirate.
Non è successo niente di niente com’era facile immaginare.

Il CeSAF Maestri del lavoro d’Italia l’associazione libera che tanto lustro sta dando agli insigniti ed alla stella al merito, è andata oltre ed ha inserito nei suoi programmi incontri mirati,  in tutte le scuole della Campania coinvolgendo l’ex parroco di Scampia don Aniello Manganiello.
L’iniziativa è partita dalla scuola che ospita la sede del CeSAF ed il successo e l’entusiasmo degli studenti è stato grande.
Per l’occasione è stato presentato il libro: “Gesù è più forte della camorra” di Don Aniello Manganiello. L’incontro con i ragazzi introdotto dalla prof.ssa Maria Carmina Russo è stato fortemente voluto dal professore Giuseppe Ianniello Del Bene e sostenuto dal Dirigente Scolastico Prof. Aurilio Carmine con la Vicepreside Prof.ssa Brunella Arena e il coordinatore prof. Marco Lugni. L’amicizia con Don Aniello, ci ricorda il prof. Ianniello, si basa su valori condivisi oramai da anni e il farlo conoscere ai nostri ragazzi di sicuro sarà motivo di riflessione su quanto la nostra società sia caratterizzata da superficialità, egoismo e falsità. E’ da sottolineare la congrua presenza degli allievi, in particolare quelli frequentanti la succursale dell’Istituto Sezione Programmatori, che hanno partecipato all’iniziativa nonostante le difficoltà nei trasporti. I ragazzi hanno lavorato tanto, precisa la professoressa Antonella Antonucci che ha coordinato i loro lavori; hanno suggerito idee, proposto novità. La tematica interessava tutti, abbiamo letto insieme passi tratti dal libro che sono poi stati recitati durante l’incontro da Antonio, Marika e Renato della VDp, Stefania della VAp e Melania della IVAp. Altri passi, letti dai ragazzi riguardavano la camorra, la legalità e i giovani e le istituzioni. Brani letti da Federica VAp, Rosa IVAp e Matilde VCp, una ragazza sensibile che, purtroppo, ha vissuto anni fa direttamente la crudeltà della camorra, ma che sembra ora pronta a gridare a tutti la sua rabbia. Le nostre aule sono diventate dei laboratori, continua la prof. Antonucci; i ragazzi , in particolare quelli della IVDp hanno preparato striscioni, cartelloni e magliette con sopra scritto: ‘ Legalità: il futuro dei giovani’. E’ stato un momento bellissimo, ho condiviso con loro emozioni, pensieri, preoccupazioni. Sono ragazzi eccezionali, semplici, intelligenti con una profonda emotività e un grande rispetto per gli altri. Di sicuro il momento più emozionante è stato quello creato dall’allieva Rossella della VAp accompagnata alla chitarra dall’allievo Umberto della VDp. Hanno cantato tre brani: Pensa, Il Mondo Piange e Il mio canto libero. Un plauso va a loro, condiviso anche da Don Aniello che ha apprezzato il connubio musica-lettura. La professoressa ha fatto visionare alcune slides che riproducevano immagini di Don Aniello accompagnate da frasi da lui scritte nel libro. Il lavoro mirava soprattutto ad evidenziare quanto l’operato di Don Aniello si avvicini all’attività educativa e al metodo preventivo di Don Bosco. Un ringraziamento va a tutti i ragazzi che hanno partecipato all’incontro con disponibilità e tanta energia evidenziata anche dalle numerose domande che hanno vivacizzato il dibattito e in particolare alla professoressa Marina Galasso, che si è messa a disposizione dei ragazzi e delle loro richieste condividendo e supportando le loro iniziative nelle aule della succursale anche in orari oltre il termine delle lezioni. E un ulteriore ringraziamento va a Don Aniello che con le sue parole e i suoi progetti ha manifestato il suo grande amore per la nostra terra devastata, condannata, crudele, ma grande sorgente di vita.

24 gennaio 2013

maestridellavoro
ll “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” è legalmente costituito in associazione culturale, senza scopo di lucro. Cura e promuove la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli affiliati laici intesi come persone non insignite Stella al Merito, ma che perseguono gli stessi fini quali: favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’