L’antidoto per la criminalità è la cultura: il prefetto di Caserta

Lectio magistralis del prefetto di Caserta al Liceo Manzoni

Palazzo vecchio sede della prefettura sarà aperto al pubblico per visite guidate in occasione delle feste nazionali, lo ha detto il prefetto di Caserta S.E. Raffaele Ruberto durante  il convegno che si è tenuto nella mattinata  nell’aula magna del Liceo Manzoni di Caserta dal titolo “Organizzazioni malavitose a confronto: la n’dragheta e la Camorra”.
Organizzato dal centro studi ed alta formazione maestri del lavoro d’Italia e dal Museo Olivetti, l’incontro si inquadra nel magistero degli insigniti della stella al merito del lavoro.  I relatori sono stai introdotti  dalla dirigente scolastica Adele Vairo, che ha illustrato al rappresentante del governo le potenzialità del suo istituto e come è aperto alla società esterna.  La mattinata è stata condotta dalla Cavaliere del Lavoro Stefania Brancaccio del CeSAF, e conclusa dal consigliere presso la Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione dott. Raffaello Magi.

Suggestivo l’inno d’Italia cantato dagli studenti quando  protagonisti sono entrati  sala, altrettanto la recitazione  del brano di Viviani ” Bammenella ‘e copp’e Quartiere” letto dal prof. Massimo Santoro.

Il prefetto ha fatto un’analisi storica del fenomeno ‘Ndrangheta e sull’etimologia della parola  che ha origini greche e che si è protratta fino al 1600 quando, si narra  dei tre fratelli spagnoli sbarcati sull’Isola di Favignana, ed in particolare  Osso, votandosi a San Giorgio, fonda la mafia, Mastrosso, devoto alla Madonna, in Campania dove organizza la Camorra, e  Carcagnosso che  con l’aiuto di San Michele Arcangelo, punta sulla Calabria dove da vita alla ‘ndrangheta.  Organizzazioni malavitose che col tempo si sono differenziate e che oggi si sono estese su tutto il territorio nazionale, tanto che in Comuni sciolti  per infiltrazioni ci sono al nord del paese come al sud.

Del cambiamento della camorra napoletana e in particolare di quella di Casal di Principe si è soffermato Raffaello Magi, giudice a latere del processo Spartacus”. Una carrellata informativa  dall’uccisione di don Diana fino alla strage di Castelvolturno del 2008 quando si parlò  di un modello Caserta per fronteggiare il fenomeno.

“Si è trattata di una lezione del tessuto della nostra società– ha tenuto a precisare la Cav. del Lavoro Stefania Brancaccio – Un’analisi storica che va inquadrata  nel diritto piuttosto che nelle giornate della legalità di cui molto spesso si fa un abuso. Conoscere  un fenomeno significa anche sapersi difendere e prevenirlo.”

Il prossimo appuntamento, con il Manzoni del CeSAF,  così come ha anticipato il presidente Mauro Nemesio Rossi,  riguarderà gli eventi della rivoluzione del ‘68  che tanto incise nel tessuto dell’Italia. Saranno i  protagonisti  di quel periodo a raccontarlo, tra cui la stessa Stefania Brancaccio  che è stata definita dalla Rai “ragazza del Sessantotto”  dall’omonima trasmissione che va in onda in prima serata su Rai3 alla domenica. 

 

È la cultura l’antidoto per la criminalità. Oggi al Liceo Manzoni: Mauro Nemesio Rossi, Stefania Brancaccio, Raffaele Ruberto e Raffaello Magi

16 ottobre 2017 20

Di Buccarelli Claudia e Vittoria Guarino (studenti liceo Manzoni)

Alla lectio in aula magna del 16 ottobre per parlare della legalità, oggi erano presenti figure di spicco: Raffaele Magi, consigliere della corte di cassazione; Stefania Brancaccio, cavaliere del lavoro e Raffaele Ruberto, prefetto di Caserta.
L’incontro, iniziato alle 10:00, era indirizzato a tutti i rappresentati degli studenti del triennio dato che la lezione continuerà nelle aule nei prossimi giorni.

Dopo aver accolto gli ospiti con l’Inno di Italia, gli studenti hanno prestato attenzione alla presentazione iniziale fatta dal dirigente scolastico Adele Vairo e dal maestro del lavoro Mauro Nemesio Rossi, per poi ascoltare incantati la canzone “Bammennella ‘e copp’ ‘e quartiere” di Raffaele Viviani, recitata dal professore Massimo Santoro.

A prendere parola, poi, è stata Stefania Brancaccio la quale dice: “La maggior parte dei ragazzi non ha fiducia nelle istituzioni…” questo perché le istituzioni ultimamente fanno parlare di loro, tuttavia “possiamo migliorare perché le future istituzioni sono gli studenti”.
Infatti, seondo il cavaliere del lavoro Stefania Brancaccio, ciò che le organizzazioni malavitose temono di più è la cultura, che dà origine a cittadini responsabili.

Anche se le maggiori organizzazioni criminali in Italia: Mafia, ‘Ndrangheta e Camorra sono nate in tempi remoti con l’intento di fare del bene per i ceti più poveri, durante gli anni il loro operato si è trasformato in uno dei mali più grandi che affliggono la nostra società, uccidendo migliaia di innocenti e inquinando gravemente l’ambiente.

Gli ospiti hanno concluso affermando che è compito soprattutto della classe di sradicare la criminalità organizzata dalla nostra cultura.

maestridellavoro

ll “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla
“CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” è legalmente costituito in associazione culturale, senza scopo di lucro. Cura e promuove la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli affiliati laici intesi come persone non insignite Stella al Merito, ma che perseguono gli stessi fini quali: favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’