Buone feste: Natale? Si grazie

I l  CeSAF Maestri del lavoro d’Italia augura agli iscritti ed ai simpatizzanti ed alle loro famiglie  un buon natale ed anni di serenità.

Auguri alle scuole partneraiate   ai dirigenti scolastici ed ai docenti che ci hanno permesso di svolgere il nostro magistero.

 

Il Consiglio direttivo

 

il messaggio del nostro socio Don Franco Galeone

 

NATALE?  SÌ. GRAZIE!

 

* Natale è la festa più sentita dell’anno. Dicono i bambini che il Na­tale non dovrebbe finire mai, perché uomini e cose appaiono diversi, come fasciati da un’indefinibile bontà; anche gli uomini logorati dal potere depongono le uniformi della vita professionale, dimenticano l’affanno quotidiano, e ritornano all’innocenza delle origini. Riscoprirsi capaci di innocenza aiuta l’igiene mentale individuale e collettiva. Nella vita di ogni uomo c’è stata un’infanzia, fatta di sorriso, di pianto, di piccole mani tese. Il Natale è questo invito a guardare con occhio semplice le meraviglie della vita e della natura perché dietro le stanchezze quotidiane, le assurdità, le sofferenze, la morte stessa, è possibile riscoprire il mi­racolo permanente della vita che rinasce, dell’eterna clessidra che ritorna!

 

* Bisogna fare attenzione che la nostra idea del Natale non ci giochi brutti scherzi. Possiamo essere ingannati da due equivoci:

  1. a) Primo equivoco: puntare sulle gioie, non sulla Gioia; questo è il caso in cui la parola Natale ha già subito una degradazione se­mantica paurosa, un crollo verticale di significato, sino a diventare Bianco Natale, Magico Natale, Sacra Favola… Per molti significa ormai clientela, vacanza, regali, tredicesima, settimana bianca, gioco… Sono senza dubbio valori reali, da non sottovalutare, ma non sono valori ultimi e definitivi perché le piccole e poche gioie della vita restano appena un segno della Gioia che Dio vuole donare all’uomo.
  2. b) Secondo equivoco: interpretare il Natale come commozione, più che come conversione: commuoversi significa donare tutto finché il cuore è intenerito, per poi tornare come prima nel proprio guscio che potrebbe essere quello di Caino: convertirsi, invece, vuol dire cambiare mentalità, con la grazia di Dio. Provate a radunare gli anziani attorno a un gruppo di bambini che cantano canzoncine di Natale. Non è commovente? Costruite un presepio con i nipotini. Non è toccante? Non sto dicendo che la commozione non sia buona; sostengo solo che commuoversi non basta!

 

* Qualcuno ha detto che i cristiani devono scegliere un’altra data per festeggiare il Natale, lasciando il 25 dicembre agli allegri festaioli. Natale ormai è diventato un cocktail per tutti i gusti, otte­nuto mescolando figure cristiane con abeti, vetrine, cenoni, zampogne, Babbo Natale, compromesso tra un leggendario san Nicola e un Padre eterno secolarizzato che passeggia sulla slitta. È come se il cristiano e il pagano oggi facessero pace: sacro e profano si incontrano su una terra di nessuno, ma la tregua dura da Natale a Santo Stefano! Che cosa fare? Denunciare e annunciare!

> Denunciare questa suprema ipocri­sia, questa abbuffata dei buoni sentimenti, questa sacrilega parata natalizia perché festeggiamo una persona, Cristo, nella quale non credia­mo più; così scriveva un autore tra i più discussi del Novecento, Curzio Malaparte (1898-1957), il «maledetto toscano» ma anche lo scrittore religiosamente inquieto.

> Annunciare: il Natale significa due verità: la nascita del Figlio di Dio e la ri-nascita dell’uomo, di ogni uomo se lo vuole. Dostoevskij già nel 1871 scrive­va: In Occidente hanno perduto Cristo, e per questo l’Occidente cade, esclusivamente per questo. Per nessun altro motivo! Cosa fare? Ho letto su una pubblicità: Metti un Cristo nel tuo Natale. Ecco, mettere Cristo nel nostro Natale. Provate a togliere Cristo dal presepio: subito tutto assurdo e insensato. Cristo è quell’1 messo davanti ai tanti zeri della nostra vita, che – grazie a Lui – diventano un valore.

 

maestridellavoro
l “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” su iniziativa dei Soci fondatori, è legalmente costituito in Ente culturale autonomo, senza scopo di lucro. Esso cura e promuove lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli Affiliati laici intesi come coloro che, pur non essendo in possesso della Stella al Merito, ne perseguono gli stessi fini quali: curare e promuovere lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro per far meglio espletare il loro compito sociale volto a favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito ai lavoratori che si siano prodigati per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’