Giovandomenico Lepore e Diego Marmo nella nostra famiglia magistrale

13007322_1096157370451245_28284154438931540_n

Si allarga la nostra famiglia magistrale con la presenza di soci  che hanno dimostrato per molti anni  di condividere la nostra missione.

Il Consiglio direttivo  su segnalazione del presidente ha deliberato di inserire nell’albo dei soci onorari della nostra associazione l’ex procuratore capo del tribunale di Napoli Giovandomenico Lepore e l’ex procuratore capo del tribunale di Torre Annunziata Diego Marmo.

Entrambi da anni con la professionalità e l’autorevolezza che li caratterizza hanno  partecipato a incontri con gli studenti e seminari  sia presso le scuole partner che in altre associazioni.

La consegna degli attestati è avvenuta nel corso del quarto incontro sull’Alternanza scuola- lavoro organizzato con la collaborazione di Confindustria Caserta alla presenza degli studenti del liceo Manzoni, dell’ITIS Ferraris di Marcianise, dell’ISISS F. Giordani di Caserta, dell’ITIS Falco di Capua, e l’ISIS Conti di Aversa e l’ITE terra di Lavoro.

A consegnare gli attestati frutto del lavoro certosino e di design del mdl Luigi Ottiano è stato il presidente onorario del CeSAF prof. Paolo Vincenzo Pedone direttore del DiSTABiF della seconda università di Napoli.

Erano presenti inoltre il presidente junior degli  industriali di Caserta Antonio Nappa e l’industriale Roberto Impero che ha tenuto una lezione su “Come nasce un’impresa, fondamenti giuridici ed economici”.

“scusate il ritardo” ha scritto Giovandomenico Lepore sul libro dei convegni del CeSAF apponendo la sua Firma. Non alludeva allo storico film di Massimo Troisi, piuttosto alle difficoltà riscontrate per la mole di traffico nel raggiungere la sede di CONFINDUSTRIA di Caserta.

Giovandomenico Lepore è uno dei procuratori più  conosciuti in Italia e nel mondo.

“Mi sento ancora in forze e sarei rimasto volentieri alla guida della Procura di Napoli”, confidò in una intervista nel 2014 a Panorama nel suo ultimo giorno di lavoro. Dal 2004 è stato  alla guida di una delle procure più importanti d’Italia.

“Quando arrivai in Procura c’erano quattro superlatitanti, che sembravano imprendibili da circa 10 anni. Adesso che lascio la Procura quei quattro boss sono finiti tutti in manette. L’ultimo è Michele Zagaria che è stato ricercato per 16 anni”.  Prima dell’arresto il 7 dicembre scorso del boss dei Casalesi, la procura napoletana aveva arrestato anche Antonio Iovine, altro pezzo da novanta del clan  e anche lui latitante da oltre 15 anni. Se siamo riusciti a dare un duro colpo alla Camorra è stato proprio grazie alla forza di questo ufficio, alla grande unità tra tutti ma proprio tutti i pm”.

In futuro Sceglierò sicuramente un incarico nel sociale . E’ vero ne ho ricevuti molti invita dalla politica – non mi interessa proprio ma se mi fanno senatore a vita non ho problemi!”.

Tante sono state le sue inchieste  da Calciopoli a quelle sull’emergenza rifiuti a quelle che hanno coinvolto personaggi politici e imprenditori.  “ Tra tutti i saluti, le telefonate e  le visite  che ho ricevuto quella che mi ha dato molta soddisfazione è stata la visita inattesa di Massimo Ponzellini, amministratore delegato di Impregilo che passando da Napoli  ha deciso di venire a salutarmi. Non aveva nulla da chiedermi ma, nonostante l’inchiesta nella quale l’azienda era stata coinvolta, il dottor Ponzellini, si è fatto otto piani a piedi per venire da me”. Poi conclude il magistrato: “Ecco, avere dei riconoscimenti per la correttezza del lavoro svolto è una cosa che riempie di soddisfazione ogni persona”.

Tags:

maestridellavoro
ll “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” è legalmente costituito in associazione culturale, senza scopo di lucro. Cura e promuove la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli affiliati laici intesi come persone non insignite Stella al Merito, ma che perseguono gli stessi fini quali: favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’