Lezione di Giornalismo ai pulcini della primaria di Orta di Atella

pulciniImmaginate un nido festante di bambini della terza elementare che timorosi invadono la redazione di un giornale e per circa un’ora occupano i posti che di li a poco vedranno intenti a lavoro redattori, cronisti e collaboratori del Corriere di Caserta e Cronache di Napoli.
Un’atmosfera gradevole, un compito non facile per l’entusiasta nonno giornalista che vede in quei bambini il suo nipote lontano e tanto diverso nei modi e nel comportamento, per avere una educazione tutta nordica e con un dialetto che ha più il sapore della Padania e non quello classico del napoletano. Per entrambi il nonno nutre lo stesso affetto e la malinconia per quel nipote lontano che vorrebbe vicino, ma anche quella passione di trasmettere valori etici e morali e l’esperienza per formare gli uomini del domani.
E’ con queste premesse che sono stati accolti ieri mattina nella nostra redazione i bambini della scuola primaria di Orta di Atella del Distretto Scolastico n. 15 di AVERSA Dirigente Scolastico, dott.ssa Maria de Marco. Una dirigente a cui il cronista deve le scuse per l’articolo comparso ieri e che ha riportato il nome del suo predecessore, visto che era quello letto sul sito web della scuola forse non aggiornato. Parlare di cronaca nera, di come arrivano le notizie e spiegare a dei bambini di otto anni “perché il vostro giornale mette solo fatti brutti in prima pagina” non è cosa facile.
Rispondere solo perché si vendono più copie non è esatto. Come non è facile spiegare le regole che sono alla base dell’editoria e perché dietro al delinquente c’è sempre un poliziotto incappucciato e cosa ha fatto il camorrista per finire in galera, ed ancora cos’è il pizzo e perché si ammazza. In un mondo ovattato di sogni fare calare un bambino in una realtà grave e pesante come quella della provincia di Caserta, è un viaggio troppo pesante ed un sforzo improbo per addolcirlo. Il sorriso però dei giovani e la serenità della maestre, che fanno il più bel mestiere del mondo, è servito a rendere piacevole e anche interessante il tempo passato con loro.
Una lezione a doppio senso, perché si spera che i bambini hanno appreso molto dall’incontro, ma certamente il nonno ne è uscito con tante conoscenze in più. Specie quelle trasmesse dalle maestre che taciturne ed attente, con amore e passione fanno crescere gli uomini del domani. Nello stesso tempo il nonno scopre che anche lui è un maestro, un “maestro del lavoro” e che in quel momento onora quella stella al merito che ha ricevuto dalla Patria attraverso il presidente della Repubblica.

Le invio le foto della mia scolaresca classe IIIB, a tale proposito le confermo di avere in mio possesso le autorizzazioni per la loro pubblicazione. Rinnovandole i miei saluti e le chiedo di aggiornarmi sulla data della pubblicazione delle stesse.

Foto4 Foto3
maestridellavoro
l “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” su iniziativa dei Soci fondatori, è legalmente costituito in Ente culturale autonomo, senza scopo di lucro. Esso cura e promuove lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli Affiliati laici intesi come coloro che, pur non essendo in possesso della Stella al Merito, ne perseguono gli stessi fini quali: curare e promuovere lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro per far meglio espletare il loro compito sociale volto a favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito ai lavoratori che si siano prodigati per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’