Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio

PICCOLE GRANDI ILLUSIONI!

* Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della sua vita! Questa notte, invece, la gente saluterà, chi con rammarico e chi con sollievo, l’Anno Vecchio, che ha portato, come tutti gli anni della vita, sorrisi e lacrime. Un saluto, l’ultimo, all’Anno Vecchio, che nessuno vuole più, e che buttiamo dalla finestra come un mobile tarlato o un piatto rotto. E pensare che un anno fa, tutti lo festeggiavamo con auguri e champagne! La storia si ripete ogni anno; cambiano solo i numeri; illusioni, attese e promesse all’inizio, e poi delusione, risentimento, funerale alla fine. Come il biblico capro espiatorio, mandiamo l’Anno Vecchio a mori re nel deserto, carico di tutte le nostre maledizioni. Questi sentimenti volubili sono comuni fra noi uomini, sempre pronti a stare con il più forte, a scodinzolare ai piedi dell’ultimo venuto, invece di conservar­ci «vergin di servo encomio e di codardo oltraggio».

 

* Non per paura ma per saggezza, alcuni attendono il Nuovo Anno pregando. Se guardiamo al passato, dobbiamo fare una preghiera di ringraziamento; se guardiamo al futuro, dobbiamo fare una preghie­ra di domanda. Io ringrazio Dio per i doni che mi ha dato nell’Anno Vecchio, e lo invoco perché nell’Anno Nuovo faccia un uso saggio del tempo. Non è sbagliato festeggiare il Capodanno. Alzare il bicchiere, scambiarsi auguri, sparare petardi… tutto questo fa parte dei segni che esprimono ringraziamento e speranza. Segni dai quali un cristia­no non deve mai estraniarsi. Tuttavia è da stolti tentare di allontana­re il significato vero della celebrazione di questa data convenzionale, che segna la fine e il principio di un anno, che scandisce i ritmi del tempo.

 

* Penso talvolta all’immagine della Terra che ruota nello spazio, e questa fantasia giunge a tale intensità da rivestire i tratti del leopardiano «pensiero dominante», terribile ma caro. Caro, perché sperimento la dimensione trascendente dell’uomo. Ma anche terribile, perché il tempo scivola leggero e implacabile. Ruit hora! Non è vero che il passato è sempre migliore o peggiore; l’ottimi­sta è uno «stupido felice», il pessimista è uno «stupido infelice», ma l’uno e l’altro sono solo un incidente nel grande fiume del tempo. Sappiamo bene che il tempo non ci ha dato nulla, né in bene né in male, perché il tempo non esiste, è una formula matematica inventa­ta per dividere e misurare la storia della vita. Il filosofo Kant – e mol­to prima di lui il grande Agostino – ci ricorda che spazio e tempo non sono realtà oggettive (leges entis), non sono due recipienti esterni all’uomo nei quali sarebbero immerse le cose, ma semplicemente due leggi, due schemi del nostro intelletto (leges mentis), condizioni a priori di ogni conoscenza. Proprio per questo ringrazio Dio, il Signo­re della storia, perché il tempo è una porzione che misura la mia vita, che segna un inizio e una fine alla mia avventura di uomo e figlio di Dio.

 

* Non facciamo bilanci. Se ricordiamo solo i fatti negativi, siamo degli ingrati. Abbiamo visto nascere, 365 giorni fa, questo Anno Vec­chio; fra poche ore lo vedremo anche morire. Non a tutti è stato con­cesso. Verrà poi un giorno, un anno di cui noi vedremo la sua nascita, ma lui vedrà la nostra morte; sarà quello il mio anno, la mia ora, il mio dies natalis. E il tempo che scivola, questo ci ricorda: siamo sulla ter­ra per arredare il nostro cielo; viviamo nel tempo per costruirci l’e­terno; facciamo tirocinio sulla terra di quanto faremo sempre in cie­lo: stiamo imparando l’amore o l’odio, il perdono o la vendetta, l’e­goismo o il servizio? Lo faremo sempre! Il tempo allora non è solo «denaro». È semplicemente sacro! E allora AUGURI e BUONA VITA!

Franco Galeone

 

 

Tags: ,

maestridellavoro
l “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” su iniziativa dei Soci fondatori, è legalmente costituito in Ente culturale autonomo, senza scopo di lucro. Esso cura e promuove lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli Affiliati laici intesi come coloro che, pur non essendo in possesso della Stella al Merito, ne perseguono gli stessi fini quali: curare e promuovere lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro per far meglio espletare il loro compito sociale volto a favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito ai lavoratori che si siano prodigati per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

Comments are closed.

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’