Un placement per le scuole teniche; incontro con i presidi in Confindustria

C aserta – Confindustria Caserta pronta per nuovi progetti e per il placemnet  nelle scuole superiori della provincia di Caserta al fine di attuare la Buona scuola attraverso  l’alternanza scuola lavoro. Una  novità per l’Italia così come prevista dalla recente riforma, e che risulta superata  alla luce di quanto sta succedendo in Germania.

E’ quello che è  emerso dall’incontro organizzato dal Centro Studi ed alta Formazione Maestri del lavoro d’Italia  con il gruppo giovani dell’associazione datoriale e le scuole superiori partnerariate  del  Cesaf.  Sono intervenuti per il Liceo Manzoni di Caserta la prof.ssa Rosaria Arena su delega della preside Adele Vairo, L’ITIS F. Giordani di Caserta Il prof. Raffaele Adinolfi, per il Liceo Pizzi di Capua Il preside Enrico Carafa, e la prof.ssa Nadia de Santis, per l’ITC Terra di Lavoro la prof.ssa Maria Mannara, per l’Itis Falco di Capua il prof. Franco Antonio Criscione e per l’ITST Ferraris di Marcianise il, preside Antonio Caroprese ed il docente Domenico Sacco.

Per CONFINDUSTRIA Caserta erano presenti  Antonio Nappa presidente del Giovani Industriali e Antonio Pagliuca.

Alla fine di una lunga discussione,  dove sono state esposte le esigenze degli istituti che  variano  secondo  se si tratta di licei o Istituti tecnici  e che vanno affrontato con diverse modalità,  si è  concordato di realizzare una apposita commissione  che avrà  cura di estendere uno specifico percorso  didattico- lavorativo che coinvolge imprenditori e docenti per l’attuazione di  corsi, comvegni e seminari  finalizzati a dare agli studenti strumenti e professionalità da potere spendere nel mondo produttivo  sociale, intellettuale e manifatturiero con particolare riguardo alla ricerca.

Il CeSAF Maestri  del lavoro farà da interfaccia tra l’associazione datoriale e il mondo della scuola mettendo in atto tutte le sue risorse umane per la miglior riuscita dei progetti.

Inoltre  Confindustria Caserta valuterà le esigenze occupazionali che si manifesteranno nelle aziende associate al fine di poter avere una banca di curriculum da esaminare  che saranno raccolti dal Cesaf Maestri del lavoro che avrà anche un ruolo di placement  office  già provvisto nella sua missione.

“Un incontro propedeutico  che  metterà le basi per un piano globale sull’alternanza scuola lavoro  che in provincia di Caserta è tutto ancora da costruire – Ha commentato Antonio Nappa – Il successo dipende anche dalle organizzazioni che si sapranno dare le scuole del territorio e da una razionalizzazione delle risorse. Come industriali abbiamo la consapevolezza che avendo un bacino locale di giovani meglio  predisposti al mondo del lavoro e desiderosi di emergere  se ne avvantaggerà tutta la collettività e si potrà fermare quella emorragia di cervelli che penalizza la nostra provincia.”

“Sono certo che questa volta stiamo sulla strada giusta e che i tentativi di sinergia  falliti  nel passato  tra associazioni datoriali e  scuole superiori, non si verificheranno. –  ha commentato Mauro Nemesio Rossi  presidente del Cesaf Maestri del lavoro  –  E’ necessario recuperare il tempo perduto  anche perché in altri paesi dell’Europa stanno sperimentando percorsi ancora più avanzati  dando vita alla “formazione duale” dove per due o tre anni si lavora per tre giorni in fabbrica affiancato da trainer e i rimanenti giorni si studia a scuola.”

I prossimo incontro con Confindustria è previsto il 10 Dicembre 2015 con una Giornata dedicata alla crittografia  con filmati su Alan Turing e Hedy Lammar  in collaborazione con la STmicroletronics e il dipartimento di matematica e fisica della Seconda Università di Napoli.

 

maestridellavoro
l “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” su iniziativa dei Soci fondatori, è legalmente costituito in Ente culturale autonomo, senza scopo di lucro. Esso cura e promuove lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli Affiliati laici intesi come coloro che, pur non essendo in possesso della Stella al Merito, ne perseguono gli stessi fini quali: curare e promuovere lo studio e la formazione dei Maestri del Lavoro per far meglio espletare il loro compito sociale volto a favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito ai lavoratori che si siano prodigati per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

Comments are closed.

Primo gennaio 2016: piccole e grandi illusioni

1° gennaio PICCOLE GRANDI ILLUSIONI! * Domani, l’Anno Nuovo muoverà i primi passi e si godrà il primo giorno della […]

Trilogia  sul linguaggio  seminario conclusivo al Manzoni di Caserta

Con una lezione storica sulla democrazia e la necessità di documentare in epoca contemporanea gli atti parlamentari e non solo, […]

Gli sceneggiati televisivi tra finzione e realtà

“Quand’era  ministro  Roberto Maroni  amava Caserta ed  anche la sua mozzarella, era convinto che bisognava debellare la malavita organizzata per  […]

il Generale Franco Angioni racconta Oriana Fallaci

SCUOLA 19 Febbraio 2015 Caserta – Oriana Fallaci raccontata dal generale Franco Angioni agli studenti del liceo Manzoni di Caserta. […]

Il filosofo Giuseppe Ferraro e la giornalista Francesca De Carolis al Liceo Manzoni di Caserta

CASERTA  – L’ergastolo  a vita è stato il tema affrontato da Giuseppe Ferraro professore di Filosofia della morale alla Federico […]

Presentato al cast dello spettacolo “la Signora delle Mele” il volume “Maestri del lavoro in camicia nera”

Presentare il lavoro di ricerca degli studenti del CeSAF sotto la guida del presidente Mauro Nemesio Rossi, concretizzato nel libro […]

Show Buttons
Hide Buttons

‘’Aquila non capit muscas’’